MICOLOGIAMESSINESE

Pleurotus

Indietro     Home    Indice    Avanti

Pleurotus dryinus (Pers.) P. Kumm.

Pleurotus dryinus   Pleurotus dryinus

Pleurotus dryinus

Cappello: 5-12 cm, inizialmente convesso, poi disteso, con margine involuto.  Cuticola feltrata, asciutta, da bianca a grigio ocracea, inizialmente coperta da un velo generale armilloide, fugace, poi dissociata in squame grigio ocracee, con il margine spesso ricoperto da lembi di residui velari.

Lamelle: bianche, poi crema, infine ingiallenti, rade, lungamente decorrenti, forcate, con lamellule.

Gambo: 2-6 x 1-3 cm, eccentrico o laterale, attenuato alla base, bianco, da giovane avvolto in un velo parziale membranoso, infero, inguainante, da bianco ad ocra o grigio, presto dissociato in lembi al margine del cappello e scaglie sul gambo.

Carne: fibrosa, coriacea, immutabile. Sapore gradevole, fungino.

Habitat: cresce su tronchi, vivi o morti, di latifoglie. Rinvenuto su Querce da sughero e Pioppo, dall'autunno all'inverno.

Microscopia: Spore bianche in massa, cilindriche, lisce, non amiloidi,

(8.9) 9.2-10.8 (12) x (3.2) 3.6-4.3 (4.8) µm. Me = 10.1x3.9 µm; Qe = 2,6.

Si osservano anche isolate spore (5%) di dimensioni vistosamente superiori, probabilmente prodotte da basidi bisporici, che misurate separatamente risultano: 12.3-15.5 x 4.1-5.7 µm. Me = 13.9 x 4.8 µm ; Qe = 2,9.

Basidi clavati, tetrasporici e rari bisporici, con corti sterigmi.

Commestibilità: non commestibile per la carne coriacea.

Note: Si distingue per il cappello squamoso ed il velo.

Specie simile Pleurotus corticatus, impropriamente sinonimizzato, sprovvisto di velo parziale membranoso e con velo cortiniforme, con squame più scure ed irregolari, carne non fibrosa e spore molto più grandi.

 

Pleurotus eryngii (De Candolle) Quèlet, var. eryngii

Funciu di panicauru

Pleurotus eryngii
Pleurotus eryngii

Cappello: 3-15 cm, arrotondato o irregolare, inizialmente convesso, poi piano con i bordi reflessi o involuti, infine anche molto depresso. Di colore molto variabile da beige biancastro a bruno camoscio, rosso grigio pallido e sporco, con fibrille adnate discolori. Asciutto a secco, viscido ad umido.

Imenoforo: Lamelle molto decorrenti con lamellule, spaziate, inizialmente bianche, poi con riflesso ocraceo.

Gambo: Corto, 3-6 x 1-2 cm, pieno, cilindrico o attenuato alla base, ħ eccentrico, a volte centrale, senza anello. Di colore bianco, ocraceo con l'età, con resti di micelio alla base.

Carne: Bianca, soda e compatta, elastica nel giovane, più fibrosa nel gambo. Odore subnullo, sapore gradevole.

Microscopia: Spore bianche in massa, da subcilindriche a cilindriche, lisce, 9-12 x 4,5-6 µm. Sistema ifale monomitico.

Commestibilità: Ottimo commestibile. Adatto alla conservazione e  cucinato in vari modi.

Habitat: Cresce dall'autunno alla primavera, sul fittone radicale di Eryngium campestre, ed altre ombrellifere, in clima temperato.

Eryngium campestre

 

Pleurotus eryngii si distingue per le lamelle decorrenti, la  carnosità del cappello, il gambo corto e laterale la crescita spesso cespitosa, in campi incolti e pascoli dove sono presenti piante di Eryngium campestre o altri Cardi.

Può essere confuso con Hohenbuehelia geogenia che possiede uno strato gelatinoso sul cappello e cresce su legno in decomposizione.

Pleurotus eryngii var. thapsiae Venturella, Zervakis & Saitta,  cresce su Thapsia garganica, in autunno e primavera, possiede cappello da grigio scuro a grigio-beige.

L’analisi filogenetica cui sono state sottoposte le specie appartenenti al complesso Pleurotus eryngii ha mostrato che la var. eryngii, la var. elaeoselini, la var. thapsiae e la var. ferulae sono strettamente correlate tra loro, mentre confermano Pleurotus nebrodensis come tipo separato.

 

Pleurotus eryngii var. ferulae Lanzi

Fungo di ferla o ferula

Pleurotus eryngii var. ferulae  Pleurotus eryngii var. ferulae  Pleurotus eryngii var. ferulae

Pleurotus eryngii var. ferulae

Pleurotus eryngii var. ferulae

Pleurotus eryngii var. ferulae enorme

Note: Pleurotus eryngii var. ferulae si differenzia dalla var. eryngii per la crescita in prossimità di piante di Ferula communis, per le dimensioni maggiori, per il colore del cappello grigio-bruno scuro, ma tendente col secco al bianco-grigio, bianco-nocciola, con squame del cappello più marcate negli esemplari adulti, bordo scanalato o dentellato.

Cresce dall'autunno alla primavera sulle radici morte della Ferula communis che possiede un grossissimo bulbo radicante.

Per molti AA questa varietà non veniva considerata, in quanto l'habitat di crescita veniva ritenuto poco significativo e le differenze considerate rientrare nella variabilità della specie tipo. Analisi molecolare hanno riconosciuto essere effettivamente differente dalla var. eryngii.

Ottimo commestibile ricercato, adesso si riesce a riprodurlo in coltivazioni dove, diversamente da quanto si crede, le proprietà organolettiche restano immutate.

Ferula communis  Ferula communis Ferula communis

Piante e bulbo radicante di Ferula communis L.

 

Pleurotus eryngii var. elaeoselini Venturella, Zervakis & La Rocca

Pleurotus eryngii var. elaeoselini Pleurotus eryngii var. elaeoselini

Pleurotus eryngii var. elaeoselini

Pleurotus eryngii var. elaeoselini

Note: Pleurotus eryngii var. elaeoselini si differenzia dalla Var. eryngii per la colorazione bianca, bianco-crema, beige chiaro con toni alutacei, la  cuticola liscia, asciutta, lacerata col secco in piccole areole appressate; le lamelle rosa-ocracee a maturità, profondamente decorrenti  e con evidenti anastomosi sul gambo che è bianco o crema-grigiastro; la carne è più sottile e dolce, asciutta, non acquosa;  la crescita su Elaeoselinum asclepium.

Analoghi caratteri microscopici della Var. eryngii. Misure sporali rilevate:

(8.9) 9.8 - 12.5 (13.4) x (4.6) 4.9 - 6.1 (7.1) µm

Q = (1.7) 1.8 - 2.2 (2.5) ; N = 40

Me = 11.4 x 5.7 µm ; Qe = 2

Pleurotus eryngii elaeoselini spore

 

Pleurotus eryngii var. thapsiae Venturella, Zervakis & Saitta

 

Pleurotus eryngii var. thapsiae Pleurotus eryngii var. thapsiae

 

Note: Pleurotus eryngii var. thapsiae differisce dalla Var. eryngii per il cappello interamente cosparso da fibrille radiale grigio bruno, grigio-beige, più arruffate verso il margine che si presenta scanalato o dentellato a maturità, la carne spessa e acquosa e la crescita su Thapsia garganica dall'autunno alla primavera.

Stessi caratteri microscopici del Pleurotus eryngii var. eryngii.

Thapsia garganica

Thapsia garganica

Pleurotus nebrodensis (Inzenga) Quélet

Pleurotus eryngii var. nebrodensis (Inzenga) Sacc.

Pleurotus nebrodensis foto Pleurotus nebrodensis Pleurotus nebrodensis

Cappello: 5-14 cm, piano convesso, subumbonato, poi piano depresso, infine depresso o imbutiforme, con orlo involuto. Cuticola asciutta, liscia nel giovane, poi screpolata in maniera irregolare o squamata, di colore bianco a maturità tendente ad un giallo pallido.

Lamelle: bianche, poi crema, serrate, sottili, diritte, decorrenti o lungamente decorrenti, allungate a forma di striature anastomosate verso la base del gambo. Lamellule numerose, lanceolate, le più lunghe arrotondate posteriormente.

Gambo: 2-6 x 1,5-3 cm, eccentrico o laterale, raramente centrale, corto, robusto, ingrossato al centro, con base attenuata, pieno. Asciutto con superficie striata, concolore al cappello. Attaccati alla base spesso restano residui, difficili da staccare, del fittone radicale della pianta della quale si nutre.

Carne: abbastanza tenace, soda, fibrosa nel gambo, biancastra, giallo pallido quando asciutta. Sapore molto gradevole, odore di farina macinata.

Microscopia: Spore bianche in massa, lisce, da oblunghe a cilindriche, 14-17 x 6-7,5 μm. Cheilocistidi lobati.

Spore Pleurotus nebrodensis Misure spore Pleurotus nebrodensis rilevate.

Commestibilità: Ottimo commestibile.

Habitat: Tipico dei monti della Sicilia, cresce a quote elevate (oltre 1200 m.) gregario o cespitoso, talvolta in ammassi indivisibili, talvolta ramificato, particolarmente sulle radici marcescenti di Umbellifere (Prangos ferulacea = Cachrys ferulacea) in primavera.

Raccolte: Bosco Malabotta (Montalbano E.- ME); Etna (Maletto - CT).

Cachrys ferulacea   Cachrys ferulacea

Cachrys ferulacea

Note: Pleurotus nebrodensis si distingue  per le colorazioni generali bianche o biancastre, le dimensioni robuste, il gambo tozzo, obeso, l’habitat a quote montane presso Cachrys ferulacea, le lamelle serrate, strette, diritte e lanceolate, le grandi spore superiori a 14 μm di lunghezza.

Pleurotus eryngii var. elaeoselinii Venturella, Zervakis & La Rocca cresce su Elaeoselinum asclepium, dall'autunno alla primavera; è di medie dimensioni, più esile, con gambo non obeso, tutto bianco o crema-biancastro, con le lamelle rosa-ocracee a maturità e soprattutto possiede spore di dimensioni minori 10-12,5 x 4,9-6,1 μm.

Pleurotus eryngii var. laserpitii Angeli et Scandurra, possiede un cappello biancastro, crema-biancastro, presto con fitte fibrille bruno-ocracee, spore come le altre varietà, cresce a fine estate su Laserpitium latifolium e siler nei prati alpini, tra 1400 e 1500 m. 

L’analisi filogenetica cui sono state sottoposte le specie appartenenti al complesso Pleurotus eryngii ha mostrato che le var. elaeoselini, var. thapsiae, var. ferulae e var. eryngii sono strettamente correlate tra loro, e confermano Pleurotus nebrodensis come tipo separato.

 

Pleurotus opuntiae (Durieu & Lév.) Sacc. (1887)

Funcia di ficudindia

Agaricus opuntiae Durieu & Lév., (1850)
Dendrosarcus opuntiae (Durieu & Lév.) Kuntze,  (1898)
Panellus opuntiae (Durieu & Lév.) Z.S. Bi, (1987) [1986]
Pleurotus ostreatus subsp. opuntiae (Durieu & Lév.) A. Ortega & Vizoso, (1992)

Pleurotus agaves Dennis

Pleurotus opuntiae   Pleurotus opuntiae

Pleurotus opuntiae

Cappello: 3-10 cm, sottile, conchiforme o flabelliforme, inizialmente piano, con la crescita diviene concavo, arrotondato  fino a petaliforme. Bordo sottile, ondulato, poi lobato. Superficie inizialmente di colore bianco candido, poi color crema, tomentosa, opaca, leggermente corrugata, con irregolari squamette piatte concolori oppure ocracee poco evidenti.

Lamelle: sottili, molto decorrenti,  pluriforcate, alle volte congiunte, con lamellule di diverse misure, inizialmente bianche, poi color crema, orlo intero, ondulato in vecchiaia.

Gambo: assente o appena abbozzato, eccentrico, fibroso, tomentoso, con feltro miceliare bianco alla base.

Carne: sottile, inizialmente tenera, presto fibrosa, tenace, bianca. Sapore dolce, gradevole, odore leggero floreale.

Habitat: cresce singolo o cespitoso su ceppi o spuntoni secchi di Opuntia ficus-indica dalla primavera ad inizio estate, più raramente in autunno. Rinvenuto in primavera su tronchi tagliati l'autunno precedente e per un paio di anni consecutivi (S. Marina Salina, Is. Eolie - ME). Indicato con crescita anche su altre Cactaceae e su Yucca, Agave, Dracena, Phytolacca. 

Commestibilità: come indicato dall'Inzenga in "Funghi Siciliani" buono e delicato da giovane, coriaceo da adulto e con perdita di gusto. Attenzione alla confusione con la tossica Pleurocybella porrigens che cresce in altro habitat.

Microscopia: basidi clavati, tetrasporici e rari bisporici; pileocistidi cilindrici o lecitiformi, cheilocistidi lecitiformi, lageniformi o cilindrico-flessuosi; sporata crema in massa. Sistema ifale dimitico.

 spore Pleurotus opuntiae spore cilindriche, lisce, ialine, non amiloidi, (8.3) 8.7 - 11.4 (12.6) x (3.7) 3.8 - 4.9 (5.5) µm. Q 2,3.

 

Note: Pleurotus opuntiae si distingue per il suo colore bianco, la sottigliezza e la tenacità della carne, la crescita su Ficodindia o altre Cactaceae, la sporata crema, il sistema ifale dimitico.

Pleurotus cornucopiae  possiede cappello imbutiforme non petaliforme, gambo lungo ed evidente, lamelle molto anastomosate e sporata lilla.

Pleurotus ostreatus di colore bianco solo a maturità, è molto più robusto, carnoso e meno tecace, possiede cappello a forma di conchiglia con bordo a lungo involuto e alle volte striato, superficie di aspetto grasso, gambo evidente e robusto, sistema ifale monomitico, sporata bianca e spore più piccole.

Pleurotus pulmonarius si presenta simile in basidiomi piccoli, ma non si sviluppa petaliforme, è carnoso ed ha gambo evidente e robusto. Possiede sistema ifale monomitico.  Spore di analoga misura.

Pleurocybella porrigens dalla carne sottilissima, quasi trasparente al bordo, cresce su tronchi morti di Abeti e possiede spore subglobose 5-7,5 x 4,5-6,5 µm.

Pleurotus agaves Dennis: da uno studio (Marcelo Camacho 2012) è risultato sinonimo posteriore di P. opuntiae.

Opuntia ficus-indica 

Opuntia ficus-indica (L.) Mill.  chiamata Fico d'India (o Ficodindia)  è una pianta succulenta il cui fusto è composto da "cladodi" (rami con funzioni di foglia) comunemente denominati "pale" per la loro forma appiattita. Le pale sono ricoperte da una cuticola cerosa, ed internamente avvolte in una maglia fibrosa a forma di rete che fa da sostegno alla massa interna gelatinosa. Le pale ogni anno si accrescono di una nuova "maglia" fibrosa che col tempo tende ad indurire, ispessire, fino a trasformarsi in legnosa, dopo circa 4-5 anni, dando vita ad un vero e proprio tronco che si accresce più in spessore, fino a diventare dopo molti anni rotondo. Al taglio, come per gli alberi, è possibile stabilire l'età della pianta, contando i cerchi legnosi, traforati e facilmente sfaldabili una volta secchi. E' su questa massa legnosa, che cresce il Pleurotus opuntiae.

 

 

Pleurotus ostreatus  (Jacq.) P. Kumm.

Pleurotus ostreatus  Pleurotus ostreatus

Pleurotus ostreatus

Cappello: 5-16 cm di diametro, a forma di orecchia o di conchiglia, infine di ventaglio, depresso all’inserzione del gambo, in cespi  embricato-sovrapposti; di aspetto grasso, brillante con margine a lungo involuto, frastagliato, poi fessurato; colore variabile nelle diverse tonalità del bruno, del grigio, dell’ardesia, alle volte con sfumature violacee, con fibrille innate, sempre più chiaro con l’età fino a color avorio.

Lamelle: da bianche con sfumature grigiastre a crema-avorio, forcate, con numerose lamellule, fitte, molto decorrenti, filo intero.

Gambo: 2-5 x 1-2 cm,  eccentrico o laterale, corto, tozzo, attenuato alla base, alle volte assente;  pieno, sodo, fino a duro; bianco, pruinoso, con micelio basale bambagioso.

Carne: Compatta, tenace, coriacea all'inserzione del gambo; bianca; sapore dolciastro, odore lieve fungino.

Habitat: su tronchi di latifoglie, con preferenza per il Pioppo, anche in parchi o viali, in numerosi esemplari sovrapposti a mensola; autunno-inverno.

Microscopia: Spore lisce, bianche in massa, subcilindriche, non amiloidi, 8-10 × 3-4 µm; basidi clavati, 35-40 x 6-8 μm. Sistema ifale monomitico.

Commestibilità: Ottimo commestibile, soprattutto il cappello carnoso.

Possiede anche proprietà farmacologiche.

 

Note: Pleurotus columbinus Quél. possiede colorazioni più grigio azzurrognole e cresce su legno di conifere. Pleurotus pulmonarius (Fr.) Quél.  è caratterizzato dal colore bianco o biancastro, bordo poco involuto, da lamelle meno decorrenti e crescita con temperature più elevate, più primaverili estive.

 


Vedi anche:  Omphalotus olearius

Vedi anche le pagine:

Genere Phallus

   

Pisolithus arhizus

Genere Pholiota

   



Cerca nel sito

Per cercare nella pagina utilizza il tasto "trova" del browser (CTRL+F)



Home Su Agaricus Specie Ag-Au Amanita Armillaria Ascomycetes Boletus Boletopsis Calocybe Cantharellaceae Clitocybe Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Specie G Helvella Specie H Hygrophorus Hypholoma Inocybe Inonotus Genere  Lactarius Genere Leccinum Lepista Leucopaxillus Lycoperdon Macrolepiota Specie M Mycena Mycenastrum Nyctalis ASTEROPHORA Specie O Specie P Phallaceae Pholiota Pleurotus Polyporales Psathyrella Russula Specie R Sclerodermatales Suillus Specie S Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

 

Pagine viste dal 08/6/2014 

İ 2003-2019 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy

 

Contatti