MICOLOGIAMESSINESE

Mycena

Indietro     Home    Indice    Avanti

Genere Mycena

Mycena epipterygia var. viscosa (Secr. ex Maire) Ricken

Mycena epipterygia var. viscosa

Cappello: 1-3 cm, da ovoideo a campanulato, poi espanso, con umbone evidente, debolmente solcato, striato per trasparenza fino all'umbone, igrofano,  coperto da una pellicola glutinosa asportabile, di colore grigio-bruno, con bordo biancastro, tende con l'etą a chiazzarsi di bruno ruggine ad iniziare dall'umbone.

Lamelle: adnate, arcuate, piuttosto fitte, bianche, poi ingrigenti a chiazze, con filo che permane bianco.

Gambo: 0,1-0,2 x 5-8 cm, cilindrico, flessuoso, fistoloso, fragile, viscido, di colore giallo pallido o giallo limone con apice bianco pellucido, con l'etą arrossante al piede.

Carne: biancastra, tendente ad arrossare con l'etą, odore rancido pronunciato.

Commestibilitą: non commestibile.

Habitat: cresce in autunno, gregaria o in gruppi, alla base di tronchi morti di conifere.

Microscopia: Spore bianche in massa, ellissoidi, lisce, con misure molto variabili, 6-9 x 8-12 µm. Basidi tetrasporici claviformi; Cheilocistidi irregolarmente clavati e ricoperti da escrescenze ramificate; giunti a fibbia presenti.

Cheilocistidi Mycena epipterygia Cheilocistidi

Note: la Mycena epipterygia var. viscosa si distingue dalle altre varietą per il cappello coperto da una sottile pellicola asportabile, per il colore grigio-bruno senza tonalitą gialle o verdi, per la carne che tende ad arrossare con l'etą e per l'odore rancido pronunciato.

 

 

 

Mycena haematopus (Pers.) P. Kumm.

 

Mycena haematopus  Mycena haematopus

Mycena haematopus

Cappello: 1-3 cm, emisferico, campanulato o conico, con umbone spesso presente, bordo sottile, striato per trasparenza fino a metą raggio, colore da bianco rosato,  a bruno rosato, rosso vinoso, con centro pił scuro e margine chiaro o viceversa influenzato dalla notevole igrofanoidą.

Lamelle: adnate o decorrenti per un dentino, strette, con lamellule, bianche o leggermente rosate, con filo sterile, bianco, arrossante allo strofinio o per cause naturali.

Gambo: 0,1-0,3 x 4-10 cm, cilindrico, spesso arcuato, fistoloso, rosso vinoso, ricoperto da una pruina bianca inizialmente molto densa, base con peluria bianca o brunastra, fragile, alla frattura emette copioso latice color sangue.

Carne: sottile, inconsistente, bianca, secernente un liquido color sangue alla frattura, piuttosto acre.

Habitat: cresce in gruppi o cespi ± numerosi, in autunno, su tronchi o rami di latifoglie in disfacimento, pił raramente di conifere.  Rinvenuta su quercus suber e quercus pubescens (Nebrodi e Peloritani (ME).

Commestibilitą: non commestibile.

Microscopia: Spore ellissoidi, lisce, amiloidi, con contenuto opaco, misure rilevate:

(7.3) 7.7 - 8.8 (9.4) x (5.2) 5.3 - 5.9 (6.3) µm;  Q = (1.3) 1.4 - 1.58 (1.6);  Me = 8.3 x 5.7 µm ;  Qe = 1,5.

spore Mycena haematopus

Spore di Mycena haematopus

Cheilocistidi fusiformi, lageniformi, con prolungamento apicale arrotondato, lisci, con contenuto rossatro. Caulocistidi diverticolati.

Basidi claviformi, tetrasporici,  7-11 x 30-40 µm. Giunti a fibbia presenti in tutte le parti.

 

Note: Mycena haematopus si riconosce per il cappello sottile, ± campanulato, le colorazioni bruno vinose, la crescita lignicola in gruppi, il latice rosso sangue che secerne alla frattura.

Mycena sanguinolenta emette latice di colore simile alla frattura, si distingue per la crescita ad esemplari singoli, non lignicoli ma terricoli su frustoli e foglie in decomposizione, con preferenza per conifere, le dimensioni inferiori con cappello fino a 1,5 cm, completamente striato fino all'umbone, il gambo filiforme fino a 1,5 mm di diametro, le lamelle con filo bruno rossastro. Possiede cistidi con prolungamento apicale appuntito. Caulocistidi diverticolati o anche  lisci.

 

 

 

Mycena pelianthina (Fr.) Quél.

 

Mycena pelianthina  Mycena pelianthina

Mycena pelianthina

Cappello: 2-6 cm, convesso, poi appianato, con margine striato, igrofano, diafano ad umido, di colore grigio-violetto o grigio rosato, bianco con tonalitą rosa violacee a secco, col disco pił colorato.

Lamelle: adnate o arcuate-annesse, distanti, reticolate-connesse, color crema vinoso, grigio-viola, con punteggiature bruno porpora, con filo denticolato, bruno porpora scuro, a maturitą nerastre.

Gambo: 0,3-0,5 x 4-7 cm, cilindrico con base allargata, fistoloso, liscio, biancastro, con fibrille bruno porpora, fragile.

Carne: bianca, odore raranoide.

Habitat: cresce dall'estate all'autunno in boschi di latifoglie o aghifoglie, con preferenza per Faggi, Querce ed Abeti.

Microscopia: Spore oblunghe, amiloidi, 3-4 x 5,5-7,5 µm. Basidi tetrasporici, claviformi. Cheilocistidi lisci, fusiformi o lageniformi con apice arrotondato e contenuto bruno porpora.

Commestibilitą: non commestibile.

 

Note: Mycena pelianthina si distingue per il cappello grigio violaceo, decolorato col secco, il filo lamellare denticolato, pił scuro delle facce e la crescita presso Faggio.  

Appartiene alla Sez. Calodontes, che comprende specie di medie dimensioni con cappello igrofano dai colori violacei, rosati o gialli, divisa in due Sottosezioni in base al filo lamellare. Col filo lamellare concolore abbiamo la Sottosez. Purae alla quale appartiene Mycena Pura e Mycena rosea (vedi sotto), mentre M. pelianthina appartiene alla Sottosez. Marginate che comprende specie amiloidi, con filo lamellare bruno porpora e cheilocistidi con contenuto colorato di bruno porpora che punteggiano le facce delle lamelle.

Alla stessa Sottosez. appartiene Mycena lammiensis con piede ricoperto da fibrille giallastre, e dai colori pileici violacei pił carichi, lilla sporco, simili a quelli di Mycena pura ma con filo lamellare colorato di bruno-viola.

 

 

Mycena pura (Pers.) P. Kumm.

 

Mycena pura  Mycena pura

Mycena pura

 

Mycena pura

Particolare delle lamelle di Mycena pura

Cappello: 2-6 cm, inizialmente conico campanulato, poi piano-convesso, con umbone ottuso ± sviluppato, igrofano, liscio, striato per trasparenza al margine, di colore molto variabile: bianco, grigio, rosato, viola, bluastro, spesso pił scuro al centro.

Lamelle: adnate o decorrenti per un dentino, ± fitte, ventricose, unite da venature, con numerose lamellule, bianco grigiastre, soffuse di violetto chiaro, con il filo concolore.

Gambo: 4-8 x 0,3-0,8 cm, cilindrico o clavato, assottigliato in alto ed allargato alla base, cavo, fragile, liscio, lucido, alle volte pruinoso in alto, di colore variabile: bianco, grigio traslucido, rosa, violaceo, con base  ricoperta da fine peluria bianca.

Carne: bianco grigiastra, acquosa, con sapore leggermente farinoso ed odore rafanoide.

Habitat: cresce in autunno fra il fogliame umido in decomposizione, sia di latifoglie che di conifere.

Microscopia: Spore oblunghe, con guttula centrale, amiloidi, 7-9 × 3,5-5 µm. Basidi tetrasporici, claviformi, 25-30 x 6-8 µm. Cheilocistidi fusiformi con base peduncolata, privi di contenuto colorato.

Commestibilitą: tossica, provoca sindrome muscarinica  e sindrome psilocibinica, a breve incubazione.

 

Note:  Mycena pura si distingue per le colorazioni del cappello grigio-rosa, grigio-violaceo, grigio-isabellino, il gambo ingrossato alla base e dello stesso colore del cappello o pił chiaro, le lamelle bianche soffuse di violetto e con filo concolore.

Appartiene alla Sottosez. Purae che comprende specie con filo lamellare concolore e cheilocistidi privi di contenuto colorato.

Alla stessa Sottosez. appartiene Mycena rosea, dalle colorazioni completamente rosa, e Mycena diosma, molto simile, che perņ non possiede odore rafanoide, ha toni bruno-violacei, lamelle ben colorate, salvo il filo bianco, spore leggermente pił piccole.

Mycena lammiensis dai colori simili possiede facce delle lamelle punteggiate di viola e filo lamellare bruno violaceo. Appartiene alla Sottosez. Marginate come Mycena pelianthina che si distingue per le lamelle con filo denticolato, colorato di bruno violaceo e cappello pił chiaro, biancastro.

Per la variabilitą delle colorazioni vengono indicate diverse forme:

- Mycena pura fo. alba dalle colorazioni biancastre, bianco pellucido;

- Mycena pura fo. lutea con cappello giallastro o biancastro con centro giallo e gambo violaceo;

- Mycena pura fo. luteorosea con cappello giallo circondato da un'aureola rosata, spore larghe 3-4 µm, esclusiva della zona alpina;

- Mycena pura fo. ianthina con cappello blu violaceo, grigio-viola-bluastro, lamelle leggermente pił chiare, gambo viola con tonalitą rossastre, rosso-grigio-violaceo.

Mycena pura fo. ianthina Mycena pura fo. ianthina

- Mycena pura fo. violacea con cappello viola e centro concolore o giallastro, lamelle violacee, gambo viola, viola-bluastro.

- Mycena pura fo. roseoviolacea con cappello rosa soffuso di grigio violaceo, rosa-viola, a volte soffusa di rosso al centro,  gambo concolore e lamelle debolmente rosa-violaceo.

 

 

Mycena rosea Gramberg

Mycena pura var. rosea (Gramberg) J.E. Lange

 

Mycena rosea  Mycena rosea Mycena rosea

Mycena rosea

 Mycena rosea

Mycena rosea in cerchio

 

Cappello: 3-6 cm, inizialmente campanulato, poi piano convesso, con largo umbone acuto, solcato fino a metą raggio e con margine sottile, striato per trasparenza; superficie igrofana, liscia, leggermente untuosa, lucida,  di colore rosa ± intenso, col centro che si decolora al bianco con l'etą od ocra in vecchiaia.

Lamelle: adnate o smarginate, con lamellule, mediamente fitte, panciute, unite da venature, bianche con riflessi rosati, rosa pallido, filo sterile, bianco.

Gambo: 5-11 x 0,4-1 cm,  clavato, assottigliato in alto ed allargato alla base, cavo, alle volte compresso, fragile, liscio, lucido, leggermente pruinoso in alto, di colore bianco pellucido, bianco soffuso di rosa, rosa chiaro, rosa concolore e con base ricoperta da fitta peluria bianca. 

Carne: bianco rosata, molle, igrofana, odore rafanoide intenso.

Habitat: cresce in autunno, gregaria, in gruppi o cerchi, tra il fogliame di conifere o latifoglie con preferenza per Faggio.

Microscopia: Spore da ellissoidali a oblunghe, amiloidi, 7-9 × 3,5-5 µm. Basidi tetrasporici, claviformi, 25-35 x 6-8 µm. Cheilocistidi fusiformi con base peduncolata, Giunti a fibbia presenti in tutte le parti.

Commestibilitą:  tossica, provoca sindrome muscarinica e probabile sindrome psilocibinica a breve incubazione.

 

Note:  Mycena rosea si distingue per il bel colore rosa di cappello e gambo, la forma campanulata, la lucentezza, le dimensioni robuste per una Mycena.

Puņ presentarsi anche completamente bianca in Mycena rosea fo. candida Robich.

Microscopicamente non differisce da Mycena pura, che puņ presentarsi anche con colorazioni rosee, in tal caso le due specie possono essere confuse. Le dimensioni maggiori di M. rosea aiutano nella distinzione, come il gambo quasi sempre clavato ed il cappello pił campanulato.

 

 

 

Mycena pseudocorticola Kühner

 

Mycena pseudocorticola  Mycena pseudocorticola

Mycena pseudocorticola

 

Cappello: 2-9 mm, campanulato, poi emisferico, infine espanso, di colore grigio violaceo, grigio bluastro, ricoperto da pruina bianca, pił chiara col secco, con margine bianco, lungamente solcato o striato per trasparenza.

Lamelle: adnate o decorrenti per un dentino, rade, ventricose, grigio-bluastre con filo biancastro.

Gambo: 0,5 x 10 mm mediamente, flessuoso, da pruinoso a glabro, lucido, blu o grigio opalescente, con feltro miceliare bianco alla base.

Carne: esigua, odore nullo.

Habitat: cresce in numerosi gruppi, in autunno, tra il muschio di cortecce di latifoglie vive.

Microscopia: Spore da globose a subglobose, amiloidi, 7-10 x 7-8 µm oppure 8-12 x 9-11 µm, basidi prevalentemente bisporici, Cheilocistidi clavati, ricoperti da escrescenze flessuose.

Commestibilitą:  non commestibile, inconsistente.

 

Note:  Mycena pseudocorticola si distingue per le minuscole dimensioni che la rendono visibile solo ad un occhio attento. Misura infatti pochi millimetri, ha una colorazione blu-violacea, spore subsferiche e cresce tra il muschio che ricopre le cortecce delle latifoglie.

Mycena melliigena ha dimensioni simili, colori bruni, bruno carnicino,  bruno-violaceo ma mai blu.

Mycena supina non possiede colori violacei o blu, ha spore leggermente pił piccole ed i cheilocistidi possiedono escrescenze basse.

Mycena adscendens, simile, ha colori bianco grigiastri, spore ellissoidali, cheilocistidi con escrescenze oppure lageniformi con uno o due prulungamenti apicali.

 

 

 

Mycena renati Quél.

 

Mycena renati

 

Cappello: 1-2 cm, conico, campanulato, lungamente striato, rosa pallido al margine e rosa brunastro al centro.

Lamelle: adnate, ascendenti, larghe e ventricose, bianche con filo che tende a punteggiarsi di rosso verso il margine del cappello.

Gambo: 1-2 x 30-60 mm, cilindrico, liscio, tenacello, tuboloso, giallo brillante con base ricoperta da fitta peluria biancastra.

Carne: concolore al cappello, odore leggermente rafanoide, senza sapori particolari.

Habitat: cresce in densi cespi su ceppaie e vecchi tronchi marcescenti di Nocciolo, Faggio e altre latifoglie ed aghifoglie.

Commestibilitą: non commestibile.

Microscopia: Spore ellittiche, lisce, ialine, amiloidi, con contenuto opaco, a  volte con guttula, nostre misure:

(8.3) 8.8 - 10.1 (10.2) x (5.4) 5.5 - 6.3 (6.6) µm. Q = (1.4) 1.5 - 1.7 (1.8).

 

Note: Mycena renati si riconosce per la crescita densamente cespitosa, il colore del cappello di un bel rosa, rosa pallido al margine e rosa carico al centro, in contrasto col gambo giallo brillante e le lamelle bianche con il filo rossastro verso il margine del cappello.

Esiste anche Mycena renati f. alba  Robich dal colore completamente bianco e uguali caratteri microscopici.

Specie simile Mycena rubromarginata, cresce isolata o gregaria, possiede cappello grigio-gruno, filo lamellare rosso-bruno e gambo grigio-bruno rosato.

Mycena bresadolana anch'essa con crescita isolata o gregaria, possiede cappello rosa-lilla con tonalitą brune, gambo da giallo a giallo-rosa e il filo lamellare bruno rossastro.

 

 

Vedi pagina "Funghi M."

Generi Marasmius - Meripilus- Morchella

 

 

 

Vedi anche pagina Macrolepiota

Macrolepiota procera, Macrolepiota excoriata, Macrolepiota heimii

Macrolepiota konradii, Macrolepiota rachodes, Macrolepiota venenata

 

Vedi anche il Gasteromicetes Mutinus caninus

Mutinus caninus

 



Home Su Agaricus Specie Ag-Au Amanita Armillaria Ascomycetes Boletus Boletopsis Cantharellaceae Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Specie G Helvella Specie H Hygrophorus Hypholoma Inocybe Inonotus Genere  Lactarius Genere Leccinum Lepista Leucopaxillus Lycoperdon Macrolepiota Specie M Mycena Mycenastrum Nyctalis ASTEROPHORA Specie O Specie P Phallaceae Pholiota Pleurotus Polyporales Psathyrella Russula Specie R Sclerodermatales Suillus Specie S Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

 

Pagine viste dal 08/6/2014 

© 2003-2019 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy

 

Contatti