MICOLOGIAMESSINESE

Funghi velenosi

Home Indice fotografico Indice Funghi Nomi dialettali Attività Novità CHIAVI Monti Peloritani Monti Nebrodi EOLIE Funghi velenosi Tossicita RICETTE ALBERI LIBRI REGOLAMENTI CONSIGLI Andar per funghi STORIA POESIA Sommario

FUNGHI VELENOSI

In questa pagina sono inseriti i più comuni funghi tossici e velenosi.

Un link sul nome rimanda alla relativa scheda.

Un link sulla sindrome rimanda alla relativa descrizione.

L'elenco non è esaustivo ma ben più vasto.

In presenza dei sintomi sotto elencati recarsi in ospedale portando con se residui dei funghi anche cotti, senza sprecare tempo con rimedi casalinghi.

Amanita phalloides  (Vaill.) Link 

Amanita phalloides Amanita phalloides funghi velenosi Amanita falloide velenosa

Amanita verna (Bull.) Lamarck  

Amanita verna velenosa mortale Amanita verna velenosa funghi velenosi Amanita verna

Causano Sindrome falloidea (vedi)

Altre Specie che causano la stessa sintomologiaAmanita virosa, Amanita porrinensis, Galerina marginata, Galerina autunnalis, G. badipes, Conocybe filaris (= Pholiotina filaris), Lepiota helveola, Lepiota josserandii, Lepiota brunneoincarnata, Lepiota castanea, L. subincarnata, L. clypeolariodes e la maggior parte delle piccole Lepiota delle Sez. Ovisporeae e Lilaceae.

Principali sintomi: si presentano normalmente dopo 6-12 ore dal pasto, con inizialmente frequenti episodi di vomito alimentare poi biliare e diarrea coleriforme, poi astenia, crampi muscolari, insufficienza renale acuta, acidosi metabolica. Questa prima fase dura 1 - 2 giorni, successivamente si manifestano lesioni gravissime al fegato. Il danno può portare a insufficienza epatica acuta e quindi al trapianto del fegato. Nei casi più gravi si verificano emorragie massive, insufficienza respiratoria, collasso cardiovascolare, coma epatico e morte.

 

Amanita muscaria (L.) Hooker e Varietà

Amanita muscaria tossica Funghi tossici Amanita muscaria Funghi velenosi Amanita muscaria

Amanita muscaria var. aureola

Amanita aureola velenosa

Amanita pantherina  (De Candolle) Krombholz

Amanita pantherina velenosa funghi velenosi Amanita pantherina

Amanita junquillea (= Amanita gemmata) e le sue forme.

Amanita gemmata velenosa

Causano Sindrome panterinica o mico-atropinica :

Principali sintomi: si presentano da 30 a 180 minuti dopo il consumo con disturbi neuropsichici che vanno dal barcollamento a incoordinamento dei movimenti, tremori, stato confusionale, euforia, collera, dilatazione e restringimento della pupilla, eccitazione o depressione, crisi convulsive, allucinazioni e sopore, coma, raramente si arriva alla morte.

Causano inoltre e si sommano: Sindrome psilocibinica o psicotropa :

Principali sintomi::  disturbi gastrointestinali quali nausea, vomito, crampi addominali, cefalea, brividi, formicolio, delirio, allucinazioni uditive, visive con colori molto vivi e olfattive, midriasi, depersonalizzazione, sensazione di sognare (stato onirico), depressione, talvolta agitazione psicomotoria, perdita della nozione del tempo.

 

Cortinarius orellanus Fries

 

Fungo velenoso Cortinarius orellanus

Sindrome orellanica

Altre Specie responsabili : Cortinarius speciosissimus, C. fluorescens.

Principali sintomi: disturbi gastrointestinali con nausea, vomito alimentare, diarrea, dolori epigastrici. Questi disturbi possono non manifestarsi o essere intervallati da un periodo di latenza di 36 ore dopo il consumo o, a volte, con intervalli di settimane, dopodiché compaiono dolori muscolari e lombari, cefalea, brividi, inappetenza, seguiti da riduzione della quantità di urina, vomito biliare, iperazotemia, uremia, insufficienza renale acuta, coma e possibile decesso; l’evoluzione verso un’insufficienza renale è  spesso irreversibile.

 

Helvella crispa (Scop.) Fr.

Fungo tossico Helvella crispa

Helvella lacunosa

Funghi tossici Helvella lacunosa Fungo velenoso Helvella lacunosa

Helvella elastica  Bull.: Fries

Helvella elastica tossica  Funghi velenosi Helvella elastica

Sindrome giromitrica

Altre Specie responsabili : Gyromitra esculenta, G. gigas, G. infula, Cudonia circinans.

Principali sintomi : si manifestano da 6 a oltre 24 ore dopo l'ingestione, con sonnolenza, contratture muscolari, emolisi, anemia emolitica, e nefropatia, danno al fegato e reni con comparsa di ittero e insufficienza epatica, disturbi neuropsichici, agitazione psicomotoria, convulsioni, midriasi, nei casi più gravi arresto cardiaco e morte. Questi disturbi sono variabili in base alle quantità ingerite e da individuo a individuo.

 

Tricholoma equestre (Linn.) Kummer

Funghi velenosi Tricholoma equestre Funghi velenosi Tricholoma equestre

Sindrome rabdomiolitica

Altre Specie responsabili: Tricholoma auratum e Russula subnigricans.

Sono segnalati casi anche dopo il consumo abbondante di Leccinum sp. e Boletus edulis s.l.

Principali sintomi: si manifestano da 24 a 72 ore dopo l'ingestione, con marcata astenia, dolori muscolari prevalentemente alle cosce, eritema al volto, sudorazione, nausea senza vomito, urine scure, rossastre. L'evoluzione porta a iperpiressia (oltre 42° C), aritmie cardiache, miocardite acuta, aumento della dispnea, grave alterazione della funzione renale. In seguito alla lesione e distruzione delle fibre muscolari del diaframma e del miocardio avviene il decesso. Le cure ospedaliere riescono a risolvere positivamente l'intossicazione se l'intervento avviene nelle prime fasi.

 

Paxillus involutus (Batsch) Fries

Funghi velenosi Paxillus involutus Funghi velenosi Paxillus involutus Fungo tossico Paxillus involutus

 Sindrome paxillica o Sindrome citotossica-allergica

Altre Specie responsabili : Paxillus atrotomentosus, Paxillus rubicundulus (= P. filamentosus).

Principali sintomi: alla prima assunzione un antigene provoca la formazione di anticorpi tali da sensibilizzare i globuli rossi del sangue, senza dare ulteriori sintomi o solo lievi disturbi intestinali quali nausea, vomito, diarrea. Dopo le assunzioni successive, soprattutto dopo un lasso di tempo ravvicinato, può manifestarsi una gastroenterite acuta seguita da una grave reazione immunoemolitica, con rottura dei globuli rossi e fuoruscita dell'emoglobina in essi contenuta. Cio porta a ittero, emoglobinuria, oliguria, grave anemia, insufficienza renale, collasso con perdita della coscienza, shock e possibile morte se non vengono praticate cure adeguate. La reazione è individuale e colpisce solo le persone predisposte. Altri sintomi sono: ipercreatinimia, leucocitosi, degenerazione grassa del cuore e del fegato, complicazioni renali, dispnea, uremia.

 

Inocybe adaequata (Britzelm.) Sacc.

Inocybe adaequata velenoso

Inocybe asterospora Quél.

Inocybe asterospora velenosa

Inocybe godeyi Gillet

Inocybe godeyi

Inocybe rimosa (Bull.) P. Kumm.= Inocybe fastigiata (Schaeff.) Quél.

 Inocybe rimosa fastigiata

Sindrome muscarinica (Sindrome sudoripara)

Altre Specie responsabili : Inocybe bongardii, Inocybe geophylla, Inocybe patouillardii, e molte altre Inocybe; Clitocybe phyllophila, Clitocybe odora, Clitocybe candicans, Clitocibe dealbata e tutte le altre Clitocybe bianche.

Principali sintomi: cefalea, dolori addominali, ipersalivazione, intensa sudorazione cutanea, nasale e bronchiale, lacrimazione, tremori e bradicardia, miosi pupillare, broncocostrizione. L'intensa perdita di liquidi può portare a disidratazione.

 

Chlorophyllum molybdites

fungo tossico Chlorophyllum molybdites

Macrolepiota venenata

Tossica Macrolepiota venenata

Sindrome Morgana

Principali sintomi: si manifestano da 30 min. a 2 ore dopo il consumo, con disturbi gastrointestinali, vomito e diarrea anche sanguinolenta. Colpito anche il sistema nervoso centrale e l’apparato cardiocircolatorio.

Questi funghi vengono scambiati con le congeneri chiamate Mazze di Tamburo, Ombrellino, Parasole, Bubbola maggiore, ecc.

 

Boletus satanas

Fungo velenoso Boletus satanas

Boletus rhodoxanthus

funghi tossici Boletus rhodoxanthus

Boletus legaliae

funghi tossici Boletus legaliae

Boletus rhodopurpureus

funghi tossici Boletus rhodopurpureus

Boletus pulchrotinctus

funghi tossici Boletus pulchrotinctus

Sindrome da Boletus a pori rossi

Altre Specie responsabili:  Boletus lupinus, Boletus luteocupreus, Boletus torosus e la maggior parte dei Boletus a pori rossi o giallo-arancio. Stessi sintomi possono manifestarsi per boleti a pori gialli o bianchi consumati in abbondanza.

Principali sintomi: si manifestano 1 - 2 ore dopo i pasti, con vomito incoercibile (per diverse ore), diarrea intensa, dolori addominali, danni epatici nei casi più gravi o ripetuti. La prebollitura prolungata riduce le tossine ma non le elimina completamente.

 

Omphalotus olearius

Funghi tossici Omphalotus olearius

Sindrome olearia

Principali sintomi: si manifestano 1 - 3 ore dopo il consumo, con nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, mal di testa, spossatezza, sudorazione, ipersalivazione (come nella sindrome muscarinica), lacrimazione, sensazione di freddo, amaro in bocca, dolori muscolari; nei casi più gravi: danni all'apparato digerente con lesioni emorragiche allo stomaco. Questo fungo viene raccolto perchè scambiato per Cantharellus cibarius.

 

Hypholoma fasciculare

Hypholoma fasciculare tossico

Hypholoma lateritium

Hypholoma lateritium tossico

Sindrome gastroenterica da Hypholoma

Principali sintomi: si manifestano dopo 5-10 ore dall'ingestione, con vomito, diarrea, insufficienza epatica acuta (sindrome parafalloidea).

Questi funghi chiamati "Falsi chiodini" vengono spesso confusi con i Chiodini che invece sono commestibili dopo bollitura, ma non privi di rischi.

 

Entoloma sinuatum

Entoloma sinuatum tossico

Sindrome entolomica

Altre Specie responsabili:  Entoloma vernum, E. rhodopolium, E. nidorosum

Principali sintomi: si manifestano dopo 4-6 ore dall'ingestione, con vomito, diarrea, dolori addominali, anche stato di incoscienza.

 

 

Per vedere tutte le sindromi vai a Tossicità dei funghi

 

Home Indice fotografico Indice Funghi Nomi dialettali Attività Novità CHIAVI Monti Peloritani Monti Nebrodi EOLIE Funghi velenosi Tossicita RICETTE ALBERI LIBRI REGOLAMENTI CONSIGLI Andar per funghi STORIA POESIA Sommario

 

Pagine viste dal 08/6/2014 

© 2003-2019 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy

 

Contatti